Castell’Azzara

Castell’Azzara

Circondato da folti boschi, alle pendici del Monte Civitella, Castell’Azzara è un piccolo borgo dall’aspetto medievale. Il paese sembra avere origini molto antiche legate all’estrazione del cinabro, un minerale da cui si ricava il mercurio. Già Etruschi ed Umbri frequentavano la zona proprio per estrarre dal suolo il prezioso minerale, ma il paese odierno si sviluppò solo più tardi tra XI e XII secolo.
Come molti dei piccoli borghi del grossetano, anche Castell’Azzara faceva parte dei possedimenti della potente famiglia degli Aldobrandeschi. A loro si deve la costruzione della Rocca, una fortificazione duecentesca posta al centro del paese accanto alla più moderna Torre dell’Orologio.
Nel centro storico, caratterizzato da strette e ripide stradine, si possono ammirare anche la Chiesa di San Nicola ed il Palazzo Comunale.
Nei dintorni di Castell’Azzara si trovano diverse altre testimonianze del passato medievale e rinascimentale del paese. E’ il caso della Villa Sforzesca, residenza estiva del cardinale Alessandro Sforza, che al suo interno ha conservato affreschi, dipinti, portali e stemmi araldici originali del cinque e seicento.
Il borgo di Castell’Azzara è immerso nella natura ed è la base di partenza ideale per escursioni a piedi o in mountain bike nella vicina Riserva Naturale del Monte Penna, un’area verde dall’importante valore naturalistico.



COMMENTS