Calenzano

Calenzano

Il territorio di Calenzano si estende tra la pianura e la montagna, la maggioranza della popolazione si concentra nella piana lasciando la montagna libera dalla mano dell’uomo. La zona a monte è perfetta per passeggiate nella natura, in mountain-bike o a cavallo.
Le origini della città risalgono al periodo romano quando Calenzano era un semplice snodo viario tra il Mugello e la pianura di Firenze. Il borgo odierno si sviluppò poi nel medioevo attorno al XIV secolo con la costruzione del Castello di Legri. Scomparso il castello, oggi resta il centro storico di Calenzano Alto con le sue mura difensive ancora in ottimo stato.
Sul resto del territorio si trovano numerose ville, chiese e pievi di notevole interesse storico ed artistico. Gli edifici religiosi più antichi sono le pievi di San Donato, San Severo e Santa Maria realizzate tra il IX ed il X secolo, ma rimaneggiate e restaurate più volte nel corso del tempo. Al loro interno sono conservate molte opere artistiche tra cui la Madonna col Bambino dell’artista Agnolo di Donnino, il Sant’Antonio Abate del Ghirlandaio, una rappresentazione del Giudizio Universale del XV secolo e un affresco raffigurante San Jacopo attribuito a Pietro di Miniato.
La pianura di Calenzano è oggi un affermato polo produttivo e commerciale specializzato in particolare nel design industriale. Al settore è data ampia visibilità anche nel museo locale dove si trovano esposti alcuni pezzi realizzati dall’architetto Renzo Piano.


COMMENTS